. ….qualche metro quadro in più!
18 apr 2012

….qualche metro quadro in più!

0 Comment

In periodi come questo, ci si interroga molto sulle strade intraprese e su quelle che si vanno ad intraprendere…
Purtroppo ogni passo viene pesato, perchè si ha paura di sbagliare…ed il margine di errore è minimo.
Quando scelsi di iscrivermi all’Istituto Europeo di Design mi ritenevo fortunata, perchè avevo ben chiara davanti agli occhi la figura professionale che avrei voluto essere, mi immaginavo già i passi che avrei fatto…e mi ritengo ancora oggi molto fortunata perchè, nonostante la crisi, nonostante le problematiche di vario genere, sono ancora fermamente convinta della mia scelta e felice di lavorare in questo settore.
Sicuramente il fatto di avere già le idee così nette a 20 anni è un’arma a doppio taglio, perchè implica una certa dose di impazienza che ti porta a credere che l’obiettivo sia dietro la porta…ma non è così, solo con il trascorrere del tempo ci si rende conto che una professione, soprattutto se autonoma, va costruita…come un progetto, con grande pazienza e cura, e più attenzione ci si mette, più passione, più dedizione…più tempo, più il risultato è soddisfacente!.
Ho scelto di lavorare nella mia città, perchè credo che l’amore per la casa o per lo spazio dove si lavora e dove si passa la maggior parte del proprio tempo, non sia un fatto di “location” o di design o di moda…credo che in ogni luogo ci sia la necessità di dare spazio a professioni come questa che ,a dispetto del voler vendere a tutti i costi, partono davvero da un concetto di servizio, di miglioramento della qualità della vita.
Mi sono sempre chiesta per quale motivo la maggior parte delle imprese costruttrici, e nella nostra zona ce ne sono parecchie, non partano a progettare dall’interno, dall’idea di un ipotetico arredamento,o perchè non creino suggestioni legate ad ambienti interni invece che focalizzarsi sull’esterno di palazzine futuristiche o “simil- coloniali”…in fondo noi che acquistiamo, o almeno sognamo di acquistare, vivremo all’interno di questi appartamenti…gli spazi sono sempre più ridotti, allora perchè non si investe sull’ottimizzazione della distribuzione di questi spazi?
Si vendono metri quadri, non ambienti…ed è un vero peccato perchè con questa mentalità si riduce un mondo meravigliosamente vasto come quello delle finiture d’interni e degli arredi, ad essere preso in considerazione solo dai pochi che sono riusciti a permettersi qualche metro quadro in più!

[top]