. riflessioni….
09 ott 2012

riflessioni….

0 Comment

Si è vero, sono in una posizione privilegiata, in una situazione estremamente sollecitata da stimoli positivi…e quindi??
In certi casi mi sembra quasi che mi si voglia dire…”eh già…parli bene tu PERO’”…e di qui parte la sfilza di giustificazioni e piagnistei vari legati alla crisi, ai committenti,alla posizione geografica…al clima infausto….quante scuse,quante scuse vogliamo ancora inventare prima di rimboccarci le maniche, guardarci intorno ed affrontare finalmente la realtà?!

QUALE REALTA?!

La realtà è che il mondo sta cambiando, il mondo è già cambiato e più passa il tempo, maggiore è la velocità con cui i cambiamenti si sviluppano.

Ci sono aziende che per vari motivi sono in difficoltà, danno la colpa alla crisi, perchè in questo momento è l’alibi un pò per tutto, ma forse se analizzassero non gli ultimi 3 anni, ma il loro atteggiamento di 10 anni fa, magari si accorgerebbero che la loro sorte era già in qualche modo segnata,decisa dal fatto che il mondo cambiava, il mercato, i clienti, le esigenze, tutto si trasformava…ma loro no!

Fermi piantati, rigidi come un tronco senza vita il cui ultimo movimento può essere al massimo quello di schiantarsi per terra…nessuna curiosità, nessuno sforzo di reinventarsi, nessuna UMILTA’ di capire che  l’aver vissuto momenti di fortunata ricchezza non li doveva esimere dal costruirsi una struttura solida e allo stesso tempo elastica, proiettata verso il futuro…perchè, diciamocelo, non è sempre Natale e a volte le cose ci piovono dal cielo, ma il più delle volte, dobbiamo guadagnarcele.

Ultimamente non posso più ascoltare le lamentele, anche perchè pensandoci bene, le persone che hanno davvero intenzione di cambiare in qualche modo la loro condizione, non stanno nemmeno a lamentarsi, agiscono, pensano, si muovono, PROVANO…chi attua delle modifiche su se stesso o sul proprio modo di fare le cose, ha già fatto quel piccolo ma fondamentale scatto mentale per cui SI E’ MESSO IN DISCUSSIONE.

Oggi è come se assistessimo ad una sorta di reset generale, non si può più pensare di rimanere ancorati ai vecchi standard di lavoro,o meglio, tutto si può fare, ciascuno è libero di scegliere la propria sorte, ma sarebbe sciocco farlo pensando di riuscire a stare in piedi, basta guardarsi un pò attorno per capire che solo le strutture che hanno fortemente investito in certi ambiti o che hanno saputo reinventarsi, hanno successo.
Poi c’è chi tira a campare e lo fa con l’arroganza del suo passato…e guarda all’indietro perchè non ha la voglia o la forza di mettersi in gioco…

E così, dopo questa giornata illuminante, credo che nemmeno io troverò più scuse, dando magari ad altri la responsabilità di qualcosa che io tacitamente permetto…voglio essere pienamente responsabile della mia vita e delle mie scelte.

La scelta di frequentare questo corso ad esempio è stata mia, e così come vivo i disagi di questo mese fuori, allo stesso modo godo dei vantaggi…chiunque lo potrebbe fare, non tutti lo fanno…troppi pensano che la felicità, la ricchezza, la soddisfazione personale…siano questione di fortuna, di momenti, di congiunzioni astrali…beh, io no, sono fermamente convinta che si raccoglie ciò che si è seminato.

[top]